Interno della Microserra
Orto nella Microserra
Fila di pannelli solari sul tetto di casa
Veduta dall'alto della MicroSerra

Micro serra di Paoloni Giuseppe Pannelli fotovoltaici su casa di Paoloni Giuseppe Interno della microserra Interno della microserra

Micro-Serra Fotovoltaica

Coltivare ortaggi e fiori in serra, raccogliendo sia frutti che energia? Tutto ciò è possibile e auspicabile! ConsulGreen, come già detto, propone di rivalutare l’importanza della terra, sia per i grandi produttori ortofrutticoli, sia per le piccole e medie imprese agricole, come pure per le famiglie.

Tuttavia, questo “ritorno alla terra”, da noi proposto, sin qui, non ha nulla di innovativo rispetto alla tradizione. Molte infatti sono state le generazioni che ci hanno preceduto, che hanno vissuto dei frutti della terra e molto spesso affinché l’orto potesse continuare a produrre a pieno regime anche durante la stagione fredda, si è fatto ricorso alla serra ....

L’innovazione che ConsulGreen vuole portare alla tradizione agricola italiana è la cosiddetta “Micro-serra fotovoltaica”. Al di sopra delle strutture protettive, come è visibile in foto, vi sono installati dei pannelli fotovoltaici, la cui produzione energetica serve a riscaldare (e/o raffreddare), oltre che illuminare, la serra sottostante e le colture ivi piantate.

L’energia verde, fotovoltaica, contribuisce così a rendere la serra doppiamente produttiva: da una punto di vista agricolo e da un punto di vista energetico.

ConsulGreen invita chiunque fosse interessato, a venire a visitare la nostra micro-serra fotovoltaica, per valutare la sua efficacia e la sua versatilità.

Una serra siffatta riesce infatti a proteggere le colture e a ottimizzarle, con l’aiuto di illuminazioni a led apposite per l’agricoltura e impianti di climatizzazione, il tutto alimentato dall’impianto solare presente sopra la serra e che costituisce il tetto della serra stessa.

L'orto così continua a produrre sotto protezione e non teme più l'inverno, né alcuna intemperia! La presenza di strutture protettive rende infatti possibile proseguire o attivare nuove produzioni di ortaggi e creare le condizioni necessarie per effettuare le semine anticipate di ortaggi che, germogliati e irrobustiti in serra, saranno da trapiantare quando il clima esterno diventa stabilmente mite.

Tra le verdure adatte alla coltivazione in serra, consigliamo:

• Pomodori: conviene coltivare varietà del tipo a ciliegia, magari anche in tipologie particolari   (per esempio quelle a buccia gialla) per avere in inverno qualche cosa di speciale da portare   in tavola.

• Lattuga: le lattughine da taglio tipo Lollo e quella a cappuccio 'Regina dei ghiacci' crescono   bene in serra, ma attenzione ai marciumi: il suolo deve mantenersi sempre appena umido.

• I radicchi rossi invernali hanno bisogno di una serra arieggiata e non troppo calda. Il radicchio 'Palla Rossa' cresce in 60-80 giorni. Bene anche i radicchi da taglio (cicorino), molto resistenti e facili.

• Prezzemolo: dedicate una zona della serra al prezzemolo comune a foglia larga oppure a   quello riccio con foglie finemente dentellate. Acquistate le piantine pronte: se partite da   seme, la germogliazione richiede alcune settimane.

• Rapanello: cresce in serra o tunnel anche in vasi profondi, coltivazione ideale da condividere   con i bambini perché lo sviluppo è rapido.

• Spinaci: il 'Gigante d'inverno' con grandi foglie carnose cresce bene in serra anche sotto la   neve.

ConsulGreen inoltre consiglia che le coltivazioni invernali di ortaggi in serra avvengano con ausilio dell’elettronica: ad esempio, come già detto, con l’ impiego di sorgenti a led per la illuminazione e crescita delle piante; regolatori e contollo della temperatura, dell’umiditá, del livello di luminositá, ecc...
Consigliamo anche l’impiego di materiali riciclati per la costruzione della serra (ad es. porte in vetro di frigoriferi, banchi frigo etc... )

 

Contatore per sito